martedì 9 ottobre 2018

# recensione

[Collaborazione] Il Castello tra le nuvole - Kerstin Gier

Un nuovo giorno, una nuova recensione. Se avete seguito le mie stories su Instagram sapete che la Casa Editrice Corbaccio mi ha regalato una copia del nuovo libro di Kerstin Gier autrice della trilogia delle Gemme e della trilogia dei Sogni. Ieri ho terminato la lettura del suo nuovo libro e oggi ve ne voglio parlare.

Titolo: Il Castello tra le nuvole
Autrice: Kerstin Gier
Casa Editrice: Corbaccio
Genere: 
Formato: Cartaceo
Pagine: 364
Prezzo: 18,60
Punteggio: 5/5
Link di acquisto: Amazon

Che diciassette anni sia un'età meravigliosa lo dice solo chi li ha passati da un pezzo. Lo sa bene Fanny Funke che nella sua vita improvvisamente non ha trovato più niente che andasse per il verso giusto: amici, genitori, scuola... Al punto da decidere di mollare tutto e di andare a fare uno stage in un albergo. Di sicuro però non sapeva dove sarebbe finita nel luogo più sperduto delle Alpi svizzere in un Grand Hotel indubbiamente suggestivo ma chiaramente in rovina e con una clientela a dir poco variegata, fra oligarchi russi, industriali americani, scrittori di gialli, attrici, ex atlete olimpioniche e, per fortuna, almeno un paio di bei ragazzi. E dove, in qualità ultima arrivata, le tocca subire le angherie di alcune colleghe, le pretese tiranniche del proprietario e l'irritante comportamento dei bambini ai quali deve fare da babysitter. Ma quella che minaccia di diventare una faticosissima routine, si tramuta ben presto in una straordinaria avventura, quando l'atmosfera festosa dell'hotel viene stravolta da un tentato rapimento, che farà capire a Fanny di chi può veramente fidarsi e che cosa cerca veramente nella vita...

Kerstin Gier è sempre più brava, dice Stadt-Anzeiger e io sono d'accordo con lui. Non leggevo qualcosa di questa autrice dai tempi della Trilogia delle Gemme e devo ammettere che leggere il suo nuovo romanzo è stato un po' come tuffarsi nel passato. Nonostante il tanto tempo passato l'autrice non è per niente cambiata: è rimasta sempre la stessa e questo l'ho molto apprezzato. Ci sono autori che con il passare del tempo sperimentano nuovi stili di scrittura, Kerstin Gier invece no. Dopotutto, è una delle mie autrici preferite.

Partiamo dal principio: di cosa parla Il Castello tra le nuvole? Non vi aspettate un fantasy perché di fantasy c'è veramente poco. Ambientato ai giorni nostri la protagonista di questo romanzo è Fanny Funke una ragazza di diciassette anni che decide di abbandonare gli studi e quindi di non prendere il diploma e trasferirsi in questo Hotel soprannominato Il Castello tra le nuvole. Per lei comincia uno stage come praticante annuale prima come cameriera e poi come babysitter. Sarà durante il periodo natalizio che Fanny andrà incontro a moltissimi eventi, il più pericoloso è il tentato rapimento. Ad aiutarla ci saranno non solo alcuni suoi colleghi ma anche Ben, il figlio del proprietario dell'hotel, e Tristan uno degli ospiti.

La firma della Gier si ritrova sin dalle prime pagine: la sua capacità di catturare l'interesse del lettore attraverso il prologo. Per non parlare del suo grande talento nella descrizione dei luoghi nei minimi dettagli così da permettere al lettore di immaginarsi il luogo descritto senza alcuna difficoltà. Caratteristici sono anche i personaggi protagonisti di questa storia. Fanny risulta essere, in certi versi, un po' simile a Gwen - protagonista della Trilogia delle Gemme - non solo per alcuni aspetti caratteriali, ma anche per la presenza di antagoniste un po' simile a Charlotte.

Scritto in prima persona dal punto di vista di Fanny. Attraverso i suoi occhi ci viene data la possibilità di visitare il bellissimo e vastissimo Hotel e conoscere i suoi segreti. E' sicuramente un libro con una base di Giallo ma principalmente è un concentrato di divertimento e simpatia grazie al carattere dei personaggi. Abbiamo Monsieur Rocher, il concierge nonché la parte saggia ma soprattutto l'anima del Castello tra le nuvole. Persino il proprietario Roman Montfort padre di Ben nonostante il suo carattere autoritario nei confronti del personale risulta essere divertente in certi momenti. E come ogni Hotel anche questo ospita lo spirito di una fantasma: La Dama Bianca, si dice che appare solo a chi soffre pene d'amore.

8 commenti:

  1. Ho visto molto in giro questo romanzo tra cui anche nelle tue stories e sono sempre più curiosa, voglio recuperare anche le due trilogie dell'autrice:)

    RispondiElimina
  2. Questo libro mi ispira parecchio non vedo l’ora di poterlo comprare ��

    RispondiElimina
  3. Non ne avevo mai sentito parlare, dalla tua recensio e dalla trama sembra molto curioso. Segno il titolo.

    RispondiElimina
  4. Lo vedo ovunque ma non credo di leggerlo!

    RispondiElimina
  5. Ho sentito parlar benissimo dell'autrice :)

    RispondiElimina
  6. lo vedo un po' ovunque. Ho letto la trilogia delle gemme e mi è piaciuto molto solo red, blue l'ho odiato e il finale di green mi ha leggermente delusa. Non credo che leggerò mai questo libro anche se sembra interessante..

    RispondiElimina
  7. Diverso dal resto che ho letto, ottimo!

    RispondiElimina

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Le immagini e le trame riprodotte sono di proprietà delle rispettive case editrici. Le altre immagini presenti sul blog sono state reperite da internet e considerate di dominio pubblico, in caso di riconosciuta proprietà contattare l'admin per la rimozione.

Follow Us @soratemplates