domenica 10 novembre 2019

[Review Party] La verità è che non ti odio abbastanza - Felicia Kingsley

novembre 10, 2019 0 Comments

Buona domenica lettrici e lettori, avete passato un buon fine settimana? Oggi concludiamo quest'altra settimana di novembre in bellezza. "La regine delle vendita" (cit. Corriere della sera) è tornata! Di chi sto parlando? Di Felicia Kingsley naturalmente!

Titolo: La verità è che non ti odio abbastanza
Autrice: Felicia Kingsley
Casa Editrice: Newton Compton Editori
Genere: Romanzo rosa
Formato: cartaceo - ebook
Pagine: 406
Prezzo: 10,00 - 3,99
Punteggio: 5/5
Link di acquisto: Amazon

Lexi è una principessa, non delle favole, ma dell’Upper East Side. La sua vita perfetta da facoltosa ereditiera di un impero finanziario scorre tra feste esclusive e shopping sfrenato nel quartiere più lussuoso di New York. A ventisette anni ha già la certezza di un futuro luminoso, di aver vinto la partita, almeno finché un affascinante sconosciuto non le cambia le carte. Il principe azzurro? No, è Eric Chambers, detective di punta dell’FBI, che sta indagando su una truffa miliardaria in cui è coinvolta la famiglia Sloan, venuto a spodestarla dal suo trono. Tanto attraente quanto ruvido e poco disponibile, Eric la reputa viziata e superficiale, e la tratta con distacco e indifferenza. Tra i due è subito guerra. Con tutti i suoi beni confiscati, Lexi si ritrova in mezzo a una strada da un giorno all’altro, ma lei non ha nessuna intenzione di rimanerci. Anzi! Se Eric le ha tolto tutto, dovrà essere lui ad aiutarla e Lexi non accetterà un no come risposta, almeno finché non sarà riuscita a riabilitare il nome della sua famiglia, anche perché lei sarebbe una preziosa risorsa per le indagini. Riusciranno l’ereditiera che cuoce i toast usando il ferro da stiro e l’integerrimo detective di Brooklyn a collaborare senza scannarsi? O senza… innamorarsi? 

Felicia Kingsley ha fatto di nuovo colpo! Se dopo il suo ultimo libro "Due cuori in affitto" ha dato il meglio di sé, allora aspettatevi qualcosa di più con "La verità è che non ti odio abbastanza". Come sempre ci tengo a fare una premessa: ho conosciuto Felicia tramite il suo, ormai, penultimo romanzo che già sapete mi aveva subito conquistato. Con questo suo romanzo l'autrice ha creato non solo una bellissima storia, ma anche un bellissimo personaggio che tutti dovrebbero ammirare e prendere d'esempio: Lexi.

Lexi Sloan ha una vita perfetta: ereditiera, fidanzata da ben dieci anni, una vita agiata nell'Upper East Side. Insomma, non c'è da lamentarsi. Peccato però che nel giro di 48 ore la sua vita cambia drasticamente: a causa di una truffa che vede coinvolta l'azienda di suo padre e di suo zio, Lexi perde tutto quanto. Dall'essere una principessa diventa una ragazza qualunque senza più nulla, tranne la sua Birkin. Perde la casa, i suoi soldi, i suoi amici le voltano le spalle e persino il suo fidanzato. Non ha più nessuno. Tranne Eric. Sarà lui - dopo aver stipulato un accordo - ad aiutarla. Eric, però, non è una persona qualunque: lui è un agente dell'FBI e proprio lui si sta occupando del caso Sloangate.

Perché vi ho detto che Lexi è un personaggio bellissimo, da ammirare e da prendere d'esempio? Perché nonostante le difficoltà che la vita le presenta lei non si arrende. Mantiene alto il suo cognome e la reputazione della sua famiglia. Lotta per riavere indietro la sua vita ma soprattutto vuole giustizia in quanto lei non è altro che una delle tante vittime di questa truffa. Il personaggio di Lexi subisce un cambiamento radicale, prende coscienza di sé e non si abbatte. Nonostante le tante lamentele a non essere abituata a una vita priva di agi, lei si rimbocca le maniche.

Nonostante le tante risate che Felicia ci regala attraverso il suo libro - uno cosa che ho imparato a conoscere anche con Due cuori in affitto -, l'autrice ci ha manda un messaggio chiaro e diretto: non sono i soldi a fare la felicità e la stessa Lexi se ne rende conto. I soldi non fanno altro che darti soddisfazione dal punto di vista materiale, ma per il resto non servono a nulla. E questo Lexi l'ha imparato. Non solo, ci insegna anche a non vergognarsi, a rimettersi sempre in gioco.

Vi consiglio, quindi, questo libro perché è divertente, contiene un bellissimo messaggio. E poi con i suoi libri l'autrice sa come catturare il lettore, tenerlo con gli occhi incollati pagina dopo pagina. Questo è un aspetto fondamentale per un libro di successo. E poi... vi verrà sicuramente voglia di orsetti gommosi e pop corn!

martedì 5 novembre 2019

[Review Tour] Il Regno Corrotto - Leigh Bardugo

novembre 05, 2019 0 Comments

Sono passati un po' di giorni dal mio ultimo articolo qui sul blog. Eppure le novità non mancano. Il 29 novembre, infatti, in Italia è uscito il seguito di Sei di Corvi della GrishaVerse.

Titolo: Il Regno Corrotto
Autrice: Leigh Bardugo
Casa Editrice: Mondadori
Genere: Fantasy
Formato: Cartaceo - Ebook
Pagine: 480
Prezzo: 19,90 - 9,99
Punteggio: 4,5/5
Link di acquisto: Amazon

Jesper non smetteva un attimo di tamburellare le dita sulle cosce. «Qualcuno ha per caso notato che l'intera città ci cerca, ce l'ha con noi o vuole farci fuori?» 
«E allora?» disse Kaz. 
«Be', di solito è solo metà della città.» 
Kaz Brekker e la sua banda di disperati hanno appena portato a termine una missione dalla quale sembrava impossibile tornare sani e salvi. Ne avevano dubitato persino loro, a dirla proprio tutta. Ma rientrati a Ketterdam, non hanno il tempo di annoiarsi nemmeno un istante perché sono costretti a rimettere di nuovo tutto in discussione, e a giocarsi ogni cosa, vita compresa. Questa volta, però, traditi e indeboliti, dovranno prendere parte a una vera e propria guerra per le buie e tortuose strade della città contro un nemico potente, insidioso e dalle tante facce. A Ketterdam, infatti, si sono radunate vecchie e nuove conoscenze di Kaz e dei suoi, pronte a sfidare l'abilità di Manisporche e la lealtà dei compagni. Ma se i sei fuorilegge hanno una certezza è questa: dopo tutte le fughe rocambolesche, gli scampati pericoli, le sofferenze e le inevitabili batoste che hanno dovuto affrontare insieme, troveranno comunque il modo di rimanere in piedi. E forse di vincerla, in qualche modo, questa guerra, grazie alle rivoltelle di Jesper, al cervellone di Kaz, alla verve di Nina, all'abilità di Inej, al genio di Wylan e alla forza di Matthias. Una guerra che per loro significa una possibilità di vendetta e redenzione e che sarà decisiva per il destino del mondo Grisha.

Con questo secondo volume "Il Regno Corrotto" si conclude la duologia della banda di Kaz Brekker. Nel primo libro abbiamo avuto modo di conoscere la storia di ogni singolo membro e anche la nascita di questa banda. Il primo volume "Sei di Corvi" si è concluso con la prigionia di Inej. Riuscirà la banda a salvare la loro amica e compagna? Ovviamente il libro non si basa solamente sul salvataggio di un membro della banda, ma su tutt'altro. Ogni membro della banda ha uno scopo finale, un - se così possiamo chiamarlo - desiderio da esaudire e questo potrà essere possibile solamente quando il loro conto in sospeso non sarà più tale.

Rispetto al primo volume le cui prime cento pagine le ho trovato abbastanza lente quasi da causarmi il blocco del lettore, questo secondo volume risulta essere più fluido con la lettura. Non si ha nessuna difficoltà a familiarizzare con lo stile di scrittura dell'autrice, ancora una volta riesce a trasmettere la realtà cupa e corrotta che aleggia su Ketterdam. Perché si, il titolo di questo libro racchiude tutto ciò che l'autrice racconta in questo secondo volume della duologia. Non solo.

Se nel primo libro abbiamo avuto modo e occasione di conoscere ogni singolo personaggio, ne "Il Regno Corrotto" questa conoscenza tra il lettore e ogni membro della banda viene approfondita ancora di più. Se devo essere sincera, tra tutte le storie quella che mi ha particolarmente colpita è stata quella di Wylan: un figlio non più desiderato, un padre che desidera la sua sparizione a tal punto da progettare il peggio. E nonostante il suo passato il personaggio di Wylan è quello che ammiro di più: puro di cuore e nell'animo, ma nonostante la sua innocenza non perde tempo ad aiutare il resto della banda con le sue invenzioni e il suo cervello.

Parlando degli altri personaggi, Kaz Brekker si conferma essere il più furbo della banda. Ci sono stati momenti in cui è stato preso alla sprovvista, ma nonostante ciò non si è mai abbattuto e ha continuato a lottare. Fino all'ultimo è riuscito a portare a termine quella che possiamo definire la sua vendetta, chiudendo così un suo capitolo collegato al suo passato. 

In più, non vorrei sbagliare, ma ho come l'impressione che più di una volta l'autrice ha citato un personaggio collegato alla successiva storia: Nikolai. E' una mia supposizione ovviamente, potrei anche sbagliarmi. Aggiungerei anche una piccola nota sul finale. Non lo definirei un libro conclusivo. Con questo suo finale è come se l'autrice ci avesse annunciato che questa non è la fine per la banda, che non sarà questo libro a porre fine alla storia di Kaz Brekker e dei suoi compagni.


martedì 22 ottobre 2019

[Collaborazione] Cavie - Liliana Marchesi

ottobre 22, 2019 0 Comments
Buongiorno lettrici e lettori! So che il martedì in realtà è il giorno dedicato ai manga, ma per questa settimana faremo uno strappo alla regola. Oggi parleremo di un libro il cui genere è uno dei miei preferiti: distopico.

Titolo: Cavie
Autrice: Liliana Marchesi
Casa Editrice: La Corte Editore
Genere: Distopico
Formato: Cartaceo - Ebook
Pagine: 205
Prezzo: 15,90 - 7,99
Punteggio: 4/5
Link di acquisto: Amazon

Cora si risveglia all'interno di una teca di cristallo. Non sa dove si trova, come sia finita lì dentro, e soprattutto non ne capisce il perché. Ma non è sola. Con lei ad affrontare lo stesso incubo c'è Kurtis, un ex soldato che sembra essersi risvegliato poco prima e che, come lei, sembra non ricordare nulla. Hanno tutti e due degli strani tatuaggi sul braccio e ben presto capiranno di essere finiti in un labirinto di prove al limite della sopravvivenza, e che avranno bisogno l'uno dell'altra per superarle. E mentre poco alla volta i ricordi iniziano a riaffiorare, e scomode verità a emergere, dovranno dare fondo a tutte le loro abilità e a ogni goccia del loro coraggio per poter sopravvivere al folle esperimento in cui sono stati catapultati. E scoprire quali segreti si celino dietro quello che viene chiamato "Progetto Pentagono".

Non lasciatevi spaventare e impressionare dalle poche pagine che compongono questo libro. Avete ragione, di solito i distopici hanno una mole di pagine superiore alle 200 perché hanno tanto da raccontare ma soprattutto da fare capire. I distopici hanno un messaggio nascosto, un messaggio dal futuro. Lo abbiamo visto con 1984 di Orwell, e tanti altri esempi che a elencarli ci metterei tutta la giornata.

"Cavie" è un concentrato di ansia e agitazione che emergono subito sin dalla prima pagina. D'altronde, chi non proverebbe ansia nel svegliarsi in una teca di cristallo e non avere memoria di come sia potuto succedere? Ebbene l'autrice riesce a trattenere il lettore pagina dopo pagina lasciandolo entrare in empatia con i due personaggi: Cora e Kurtis. Se devo essere sincera, all'inizio ho pensato a una trama diversa, uno scopo diverso di questi due personaggi unici presenti all'interno di questa struttura silenziosa e priva di vita. 

Insomma, con il suo stile di scrittura l'autrice riesce alla perfezione a trasmettere le emozioni dei due protagonisti. Infatti, si percepisce sin da subito il desiderio dei due protagonisti di libertà, di riuscire a scappare da quella prigione. Ma soprattutto la loro fame di verità.

Nelle viscere del mio essere si nasconde una bomba innescata e pronta a esplodere. Anni di emozioni, sensazioni, desideri e bisogni mai soddisfatti relegati in fondo a un pozzo. Repressi e messi a tacere dal dolore e della paura, si sono alleati fra loro dando vita a un'ombra di me.

Questo libro possiede tutti gli elementi per essere definito un vero e proprio distopico, eppure c'è solo un particolare che mi sarebbe piaciuto sapere: l'anno di ambientazione. Non sappiamo da quanto tempo Cora è stata rinchiusa dentro la teca di cristallo, ma forse è un dettaglio che sicuramente l'autrice ci delizierà prossimamente.

Verso la fine del libro l'ho trovato abbastanza frenetico. Cosa che giustifico in quanto sta giungendo il momento della verità, della presa di coscienza dei due personaggi, ma soprattutto quella di Cora. A differenza di Kurtis, quella che conosceremo meglio sarà proprio la ragazza: attraverso i suoi ricordi legati al passato che capitolo dopo capitolo guiderà il lettore nella composizione del puzzle fino ad avere tutti gli indizi necessari per risolvere il mistero. 

...il mondo non sparisce solo perché smettiamo di guardarlo. E il male non si dissolve solo perché dentro di noi speriamo che invece lo faccia. 

Scritto in prima persona dal punto di vista di Cora e successivamente nella seconda parte del libro anche dal punto di vista di Kurtis. Ed è in questa seconda parte che il lettore avrà qualche indizio in più sull'identità di questo secondo personaggio. Ci sono, però, dei punti interrogativi che rimangono sospesi anche dopo la conclusione del libro. Per il lettore, una volta chiuso il libro, sarà naturale cominciare a farsi qualche domanda.

Ma non temete, io appena terminato il libro ho parlato con l'autrice e... adesso sono curiosa.

sabato 19 ottobre 2019

[Collaborazione] Non ti perdere - Giada Fariseo

ottobre 19, 2019 0 Comments
Buon sabato a voi lettrici e lettori. Per qualche giorno il blog ha avuto un momento di pausa, purtroppo durante i giorni di lezione metto da parte il mio lavoro. Anche perché ritorno a casa sempre distrutta. Oggi, però, voglio parlarvi di un libro la cui lettura è terminata lunedì.

Titolo: Non ti perdere
Autrice: Giada Fariseo
Casa Editrice: Lettere Animate
Genere: Romance
Formato: Cartaceo - ebook
Pagine: 414
Prezzo: 14,99 - 3,99
Punteggio: 3/5
Link di acquisto: Amazon

Tea è una studentessa-lavoratrice prossima alla laurea, con le idee ben chiare su ciò che vuole, o almeno così sembrerebbe. Ancora non sa che la sua vita sta per essere travolta da una serie di avvenimenti e dall’incontro con due ragazzi che, in modi diversi, risveglieranno il suo lato più istintivo. Intanto il destino le offre un’occasione irripetibile: un viaggio Oltreoceano per completare la sua tesi sui relocation centers americani. La sua storia andrà ben presto a intrecciarsi a quella di una famiglia di nisei e al dramma da loro vissuto durante la Seconda Guerra Mondiale. Tea aggiungerà quindi ai propri un nuovo obiettivo, il più importante: trovare risposte a un dubbio durato decenni, cercando di non perdersi dentro un finale tutt’altro che scontato.

Quando lessi per la prima volta la trama di questo libro la cosa che mi ha colpito di più è stato il riferimento a un evento storico: la Seconda Guerra Mondiale. Chi mi conosce sa che questo momento storico è quello che mi è piaciuto studiare maggiormente e leggere qualcosa di cui non ero a conoscenza mi ha spinto ad accettare la lettura di questo libro. Eppure, ci sono delle cose che purtroppo non mi sono andate giù e hanno determinato quel punteggio finale.

"Non ti perdere" lo si può classificare a un genere Romance, poiché prevale maggiormente la nota romantica e la storia d'amore - se così possiamo chiamarla - che Tea affronta assieme a Mattia detto Tia. I due si conoscono sul posto di lavoro di Tea: lei una insegnante di danza e lui un personal trainer. Tia si presenta subito come il classico ragazzo cui non piace avere relazioni fisse ma cerca di fare un piccolo sforzo nei confronti di Tea. Il tutto viene messo alla prova quando Tea accetta di partire per Los Angeles per poter fare qualche ricerca sulla sua tesi. Qui Tea non si concentrerà principalmente sulla sua tesi, ma farà nuove conoscenze tra cui quella di Chris.

L'argomento di tesi scelto da Tea è una ricerca sui relocation centers americani, luoghi dove venivano deportati uomini, donne e bambini di origine orientale. Per mia conoscenza personale ero a conoscenza di campi in Giappone dove venivano rinchiusi i soldati americani. Non ero a conoscenza di questi campi in America. Ecco, questo libro mi ha insegnato qualcosa. Ed è questa l'unica nota che distingue questo romance da tutti gli altri. Se non fosse stato per la nota e ricerca storica "Non ti perdere" sarebbe stato un romance come tutti gli altri.

Il personaggio principale, Tea, è un personaggio con i suoi alti e i suoi bassi: si dimostra sin da subito una ragazza volenterosa, che agisce subito quando desidera qualcosa. Lo dimostra quando incontra Tia e quando decide di partire all'estero per poter svolgere la sua tesi. Lo dimostra nei momenti di debolezza e di sconforto. Il personaggio di Tia, invece, è quel tipico maschio che da una parte lo si può amare, ma dall'altra si cambia subito idea e l'odio è spontaneo.

Ma perché quel punteggio basso? Per due motivi. Il primo motivo è la presenza di troppi errori di punteggiatura. Nello specifico l'uso inappropriato del punto e virgola. Ne ho trovati così tanti messi in modo errato che hanno disturbato la lettura. Il secondo motivo, invece, è la scelta del finale. Mi ha deluso e una parte di me ancora si domanda perché? Perché prendere questa scelta? 

lunedì 14 ottobre 2019

[Review Party] Élite - Laurelin Paige

ottobre 14, 2019 19 Comments

Buon inizio settimana lettrici e lettori, spero abbiate passato un buon weekend. Oggi iniziamo la settimana parlandovi di un nuovo libro, questa volta edito Always Publishing.

Titolo: Élite 
Autrice: Laurelin Paige
Casa Editrice: Always Publishing
Genere: Erotico
Formato: Cartaceo - Ebook
Pagine: 319
Prezzo: 14,90 - 4,99
Punteggio: 4/5
Link di acquisto: Amazon

Sabrina è una giovane brillante, ma di origini modeste. Appena giunta ad Harvard, grazie a una borsa di studio, non può fare a meno di restare ammaliata dal fascino dorato dell'élite d'America e dal suo rampollo, il carismatico e spensierato donnaiolo Weston King. Le insidie di quel mondo esclusivo sono più oscure di quanto Sabrina riesca a immaginare e a salvarla dal suo destino sarà l'enigmatico e tenebroso Donovan Kincaid, amico di Weston. Ma l'affascinante Donovan non è un cavaliere in armatura scintillante e, nonostante la chimica bruciante che lo unisce alla innocente Sabrina, non esita a schiacciarla e a spezzarle il cuore. Il sogno dorato di Sabrina all'improvviso si infrange, e quel mondo irraggiungibile diventa solo un ricordo lontano. Dieci anni dopo, Sabrina è una pubblicitaria affermata quando dal suo passato riemerge Weston King, l'uomo che lei ha idealizzato, insieme a un'offerta di lavoro irrinunciabile. Ma il suo segreto più torbido e la sua fantasia più proibita, la figura cupa e diabolica che popola i suoi sogni, è Donovan Kincaid, che lei aveva giurato di non rivedere mai più. Sabrina viene riammessa nel mondo di lusso e privilegi dei due uomini tanto ricchi quanto pericolosi, e rincomincia una partita che in realtà non si era mai conclusa, in un gioco di passione, controllo, gelosia e potere messo in moto dieci anni prima. Come un'ombra, Donovan non è mai veramente uscito dalla vita di Sabrina, e torna prepotente a ossessionarla, sconvolgerla, sedurla, per poi cercare di respingerla e di tenerla lontano con ogni mezzo dal mondo di cui non vuole che faccia parte. Ma ora Sabrina è una donna adulta, che conosce le regole che vigono nell'Élite e non si lascerà spezzare... neanche dall'amore.

Voglio prima di tutto ringraziare la Casa Editrice per avermi dato la possibilità di leggere questo libro. Quando leggo questo genere di libri ho sempre paura di trovarmi di fronte a qualcosa di già letto e riletto. Qualcosa che a fine lettura non mi lascia nulla, non mi rimane nessuna emozione o sensazione. Sono felice che con Élite questo non è successo.

Preparatevi a leggere un libro che non solo sa farvi emozione con intensità tanto da farvi venire i brividi, la pelle d'oca. Preparatevi a leggere un libro con un linguaggio diretto, a volte un po' troppo spinto e altre volte un po' dolce. Se pensate che con questo libro di trovare la classica storiella d'amore e il vissero tutti felici e contenti, vi sbagliate di grosso. Perché Élite è un romanzo erotico con la E maiuscola. E' quel tipo di romanzo che sa entrarvi nel cuore. E' quel tipo di romanzo che arrivati a fine lettura ne desiderate ancora e ancora.

Questo per me è il mio primo approccio con questa autrice che io reputo brava con la sua scrittura. Come vi ho detto in questo libro l'autrice utilizza un linguaggio diretto e senza giri di parole. Non si fa scrupoli a utilizzare una terminologia che forse per altri potrebbe essere volgare, soprattutto per chi non è amante di questo genere. Élite, però, non è solamente erotismo. C'è una sfumatura dark che si nasconde dietro il personaggio di Donovan. Lui, quello bello e impossibile. Quello che non vuole relazioni ma vivere alla giornata. Lui che a quanto pare ha solamente una ossessione: Sabrina.

Conosciamo Sabrina durante il suo periodo al college, precisamente in uno dei college più prestigiosi e ambiti: Harvard. Sabrina è riuscita ad accedere a questo college grazie a una borsa di studio. Lei non ha mai mostrato interesse verso Donovan, perché la sua ossessione era Weston. Un ragazzo che è tutto l'opposto di Sabrina che però sembra non accorgersi di lei. Ed è durante una festa che Sabrina parla per la prima volta con Donovan. E' lui che la salva da un tentativo di stupro. E' lui che da quel momento in poi occuperò i suoi pensieri, persino quelli più perversi. Passano dieci anni, Sabrina lavora nel mondo del marketing e sembra che il destino abbia legato lei e Donovan con un filo invisibile. Sabrina si ritrova a dover lavorare nella agenzia che lui assieme a Weston ha fondato. E beh... il resto è storia.

Il personaggio di Sabrina è quello con cui si entra subito in empatia. Per il lettore sarà inevitabile. Lei è un uragano di emozioni, di incertezze. E' una donna che sa il fatto suo, sa quello che vuole ed è una donna che lavora sodo. Eppure ci sono dei momenti in cui si dimostra abbastanza debole nel cadere in tentazione. Nonostante i suoi tanti no, non riesce a stare lontana da Donovan. Penso che il destino ha in serbo molto per loro.

Se con Sabrina il lettore ha un quadro completo di questo personaggio, non accade con Donovan. Lui è quello più complicato, quello che maschera perfettamente i suoi sentimenti. Duro, glaciale, serio e che sa esercitare bene il suo potere. Eppure, c'è qualcosa che riguarda il suo passato che lo tiene bloccato. Nonostante questo suo carattere chiuso, nel suo modo sa essere protettivo nei confronti di Sabrina. Ha un suo modo per mostrate quanto ci tiene a lei.

Il finale è quello che ti lascia a bocca aperta. Ma state tranquilli, dalla regia mi dicono che il seguito uscirà verso la fine dell'anno e io non vedo l'ora di leggere il continuo della storia di Sabrina e Donovan.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Le immagini e le trame riprodotte sono di proprietà delle rispettive case editrici. Le altre immagini presenti sul blog sono state reperite da internet e considerate di dominio pubblico, in caso di riconosciuta proprietà contattare l'admin per la rimozione.