lunedì 12 novembre 2018

# recensione

[Collaborazione] Una ladra in biblioteca - Sue Halpern

Buon inizio settimana lettori, avete trascorso un bel weekend? Io l'ho trascorso tra studio e letture da portare a termine. Oggi dopo tanto tempo posso finalmente parlarvi del nuovo libro della casa editrice Corbaccio uscito il 18 ottobre.

Titolo: Una ladra in biblioteca
Autrice: Sue Halpern
Casa Editrice: Corbaccio
Genere: Narrativa contemporanea
Formato: Cartaceo
Pagine: 351
Prezzo: 17,90
Punteggio: 4,5/5
Link di acquisto: Amazon

Le persone vanno in biblioteca per i motivi più vari. Molte ci vanno per i libri, naturalmente, altre per trovare compagnia. Quanto a Kit, che lavora nella biblioteca pubblica di Riverton, cittadina industriale in crisi nello New Hampshire, lei cerca essenzialmente la pace. Qui nessuno si metterebbe a rivangare gli eventi traumatizzanti che l'hanno spinta ad abbandonare la città, la famiglia e il suo posto in società. E lei può proteggersi con i suoi amati libri e cercare di dimenticare. Ma tutto cambia quando si presenta una ragazzina quindicenne, Solstice detta Sunny, arrestata per aver rubato un vocabolario in un negozio e condannata dal giudice a lavorare in biblioteca per un periodo di tre mesi. Sunny è una persona curiosa, brillante, aperta e desiderosa di allontanarsi da una famiglia soffocante. Kit inizialmente è infastidita dall'invadenza di Sunny, ma proprio grazie a lei incomincia a uscire dal bozzolo di isolamento che si era auto-imposto, e a conoscere meglio i frequentatori, talora emarginati ma sempre interessanti e originali, di questa piccola biblioteca che è diventata il cuore pulsante del paese. E a mano a mano che Kit e Sunny fanno i conti con il proprio passato, insieme si aiuteranno a riappropriarsi della propria vita.

Quando lessi la trama di questo libro mi aspettavo una lettura leggera e semplice. Mai mi sarei aspettata di ritrovarmi di fronte a un libro che si potrebbe definire di formazione, soprattutto caratteriale. Perché? Ve lo spiego subito.

Dalla trama sembra che la protagonista sia solamente Kit, ma procedendo con la lettura scoprirete che, in realtà, vi è una seconda protagonista. Sto parlando di Sunny la ragazza che viene arrestata e messa davanti al giudice per aver tentato di rubare un dizionario. Una vicenda che ho trovato al quanto divertente e fuori dal comune proprio come il personaggio. Il tutto cambia quando Sunny deve scontare la sua pena lavorando tutta l'estate nella biblioteca di Riverton e affiancata a Kit. Da questo momento in poi le storie delle sue protagonista se prima risultano essere divise, pagina dopo pagina cominceranno a intrecciarsi.

Ma parliamo del motivo per cui ho definito questo libro un romanzo di formazione caratteriale. Ho notato questa cosa con il cambio di persona con Kit. A volte scritto in prima persona, altre volte in terza persona. Perché? Perché la prima persona rappresenta la vecchia Kit, la terza persona rappresenta la nuova Kit. Diverso è il caso di Sunny, la scrittura utilizzata è la prima persona sia per le vicende passate, sia per quelle presenti. Ed è proprio attraverso questa alternanza tra passato e presente che si nota questo mutamento, questa formazione dal punto di vista caratteriale e mentale delle due protagoniste. Vi sarà, inoltre, verso metà libro l'ingresso di un terzo personaggio. Maschile. Anche in lui si vedrà questo mutamento, un mutamento che lui stesso ammette e riconoscere di aver subito. 

Mi è dispiaciuto aver letto poco di questo nuovo personaggio, anche se in quel poco il lettore riuscirà a conoscere tutto di lui. Cosa che ho molto apprezzato è stata questa differenza tra prima persona - il passato - e la terza persona - il presente - di Kit proprio per mettere in evidenza il suo cambio di personalità. Dovuto a cosa? Ovviamente al suo passato. Tra tutti il personaggio che ho maggiormente preferito è stato quello di Sunny, una ragazza con una visione della vita completamente diversa e particolare: non va a scuola, è vegetariana e chiama i suoi genitori per nome - Steve e Willow -. Tutto questo ovviamente è dovuto al tipo di formazione avuta dai suoi genitori, particolari anche loro.

11 commenti:

  1. Mi incuriosisce tantissimo! Credo che sarà uno dei prossimi acquisti

    RispondiElimina
  2. Wow! Bellissima recensione e sappi che mi sono segnata il titolo!

    RispondiElimina
  3. Okay, dalla tua recensione sembra un romanzo stupendo😍😭

    RispondiElimina
  4. Anche se la tua recensione è ottima il libro non mi ispira più di tanto ...

    RispondiElimina
  5. Ho sentito molto parlare di questo romanzo e mi ha incuriosita:)

    RispondiElimina
  6. Mi fai venire sempre voglia di aggiungere libri alla mia lista

    RispondiElimina
  7. La copertina è bellissima e il libro sembra molto interessante, vedere il punto di vista sia del passato che del presente lo trovo molto originale!

    RispondiElimina

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Le immagini e le trame riprodotte sono di proprietà delle rispettive case editrici. Le altre immagini presenti sul blog sono state reperite da internet e considerate di dominio pubblico, in caso di riconosciuta proprietà contattare l'admin per la rimozione.

Follow Us @soratemplates